Mamme da spiaggia

Durante queste settimane di vacanze al mare, ho avuto la possibilità di osservare diverse tipologie di mamma. Non sto giudicando nessuno, penso che ognuna di noi cerchi di fare del proprio meglio per arrivare a fine giornata senza aver fatto troppi danni.

Vicino al mio ombrellone c’è una famiglia composta da padre, madre e figlia adolescente. Scorrono fiumi di melassa, é tutto un: “amore (rivolto alla figlia) cosa ti prendo da mangiare? Porta il cellulare se vai a fare il bagno così ti chiamiamo…. il cellulare??? In acqua???? La piccolina di mamma, si fa comprare tonnellate di patatine, dolci ma nessuno di questi é “proprio quello che voleva lei” come dice sempre ai suoi quando tornano al lettino dove sta sdraiata con il cellulare in mano…..

Al lato opposto ho visto le mamme scialle.
Una, il mio idolo, era sul bagnasciuga che badava alla figlia quattrenne che faceva il bagno senza braccioli, mentre teneva in braccio un neonato e nell’altra mano una Ceres….. tutta la mia solidarietà sorella.

L’altra invece si é presentata tutta trafelata sotto il nostro ombrellone e ci ha lasciato sua figlia di 3 anni dicendo che la bimba stava cercando qualcuno con cui giocare. Occasione ghiotta vedere già due genitori che badano a due gemelle e giocano con la sabbia con tanto di palette e secchiello, perché non affibbiare anche la mia? A due perfetti sconosciuti, tra l’altro…  Dopodiché se ne é andata sul suo sdraio a chattare con il cellulare…. eh amica anch’io avrei tanto voluto star sdraiata sul lettino almeno 5 secondi, giusto da giustificare i soldini che ho speso x 2 lettini…..

E poi ho visto la mamma “mo’ sono in ferie ed i figli te li guardi te caro marito”. Spiaggiata sul lettino si é letta, “Chi”, ” Donna Moderna”, “Visto” ed un milione e mezzo di giornali scandalistici oltre ad aver allenato la mente con Sudoko e la Settimana Enigmistica. Nel mentre il marito controllava che i due figli sotto i 10 anni cambinassero danni. Da prendere spunto.

Infine la mamma fashion voglio prendere tutto il sole che c’è fino all’ultimo. Immobile, perfettamente truccata, con capelli biondi ormai bruciati dal sole, unghie finte, ciglia finte e chissà cos’altro, dava udienza alla figlia in pochi momenti della giornata…. non credo che potesse sopportare l’ ombra che la bambina le proiettava per parlarle…..

Ed io che mamma sono? Sono una che ce la mette tutta come tutte noi.

Buona giornata!!😘

Annunci

Ritrovarsi

Quando abbiamo deciso di avere un figlio, la nostra vita di coppia era molto semplice ma intensa, ed eravamo noi due al centro dei pensieri l’uno dell’altra. Una delle nostre preoccupazioni era proprio quella, che con l’arrivo di un terzo membro della famiglia, ci saremmo come persi. Niente di più sbagliato …. non ci siamo solo persi,ma anche allontanati. Quando si hanno figli piccoli, la stanchezza, le notti insonni e le preoccupazioni per l’enorme responsabilità gravano ogni giorno. La sera non hai altro desiderio che dormire ed essere lasciato in pace. Sì perché oltre ai figli c’è la quotidianità.  Il lavoro, la cena da preparare, la spesa e tutte quelle piccole incombenze che sembrano gravare come macigni quando non dormi da due anni.
E così ti trovi a discutere sulle cose più infantili del mondo e ti dimentichi di quanto poco siano importanti rispetto ai due miracoli che hai creato.

Poi un giorno, dopo due anni, siamo usciti a pranzo insieme e ci siamo pure regalati un giro di shopping al centro commerciale e tac…. riscopri che ci siamo ancora, ridiamo ancora per le
stesse cose e finalmente parliamo senza interruzioni di qualsiasi argomento.

Tutto questo per dire che i figli per chi li vuole, sono una benedizione, ma se la coppia non é solida, portano con sé uno scossone così forte che bisogna avere radici sprofondate nell’amore, perché altrimenti non si sopravvive. 

Io non tornerei mai indietro, la casa é sempre piena di allegria, é superdisordinata e non perfettamente pulita ma poco importa.

I figli ti spingono a fare un viaggio dentro te stesso che nessun’altra esperienza ti fa fare, ma se non esiste la coppia, non c’è famiglia.

image

image

Tra le nostre passioni c’è il sushi!!

Vacanza a Moena agosto 2017

Sarà perché quest’anno le ferie non mi sembrano arrivare mai, sarà perché non vedo l’ora di partire e cambiare ritmi ed aria, ma oggi mi sto lasciando andare ad un momento di nostalgia. Ripenso all’estate scorsa, quando con tutta la mia inesperienza di mamma, ho preparato montagne di valige, prendendo tutto quello che avevo trovato nell’armadio di ognuno dei componenti della famiglia. Marie Kondo sarebbe svenuta nel vedere quanta roba ero riuscita a portare con me e stipare in ogni angolo della macchina. Vorrei dire che quest’anno sarà diverso, ma ho dei seri dubbi…. mio marito è avvisato!

L’anno scorso le bimbe avevano poco più di 15 mesi, camminavano in quel modo buffo e tenero che solo i bimbi che muovono i primi passi conoscono. Tutto era nuovo per loro e nei loro occhi puliti ed ingenui,  la meraviglia per le piccole cose si manifesteva in un modo così potente e luminoso.

La scelta della destinazione era ricaduta su Moena, in Val di Fassa in Trentino. Moena, detta la fata delle Dolomiti è un grazioso centro a ridosso del fiume Avisio.

L’abbiamo scelta perché proponeva attività adatte a bimbe così piccole grazie ai sentieri idonei ai passeggini. Oltre a questo anche per il suo centro ricco di bar, ristoranti e negozi.

 

Siamo stati in un family and wellness resort, scegliendo la formula in appartamento.
Abbiamo optato per l’Adler (www.clubres.com), perché é vicino al centro, ha due piscine interne, una piccola ed una grande, dove è possibile passare dei pomeriggi tranquilli con i bambini.
Inoltre c’è la spa, il servizio di babysitter, una specie di asilo e tutto quello che serve per far divertire i bambini e rilassare i genitori.
Siamo rimasti molto soddisfatti della struttura.

15320006789261026254765265598559.jpg

Dal momento che le bimbe erano così piccole, eravamo legati ai loro orari…. sonnellino, pappa, sonnellino e merenda, quindi non abbiamo fatto grandi escursioni anche se dal centro di Moena si poteva partire alla scoperta di luoghi incantati e data la sua prossimità al passo San Pellegrino, raggiungere quote elevate ed immagino sentieri da cui godere panorami mozzafiato.

Sui siti www.moena.it e www.fassa.it ci si può sbizzarrire e scegliere tantissimi percorsi e tutte le attrazioni nelle vicinanze.

Inoltre durante l’estate vengono organizzate tantissime attività sia per grandi che per piccini. Noi ci siamo imbattuti nella preparazione dei canederli:

 

La Val di Fassa è splendida, me ne sono innamorata. Torneremo sicuramente quando le bimbe saranno più grandi e potranno fare lunghe camminate.

Principesse Rock

È arrivato il momento di rifare il guardaroba alle bimbe. Una mano sul cuore ed una sul portafoglio, mi sono cimentata nell’impresa di vestire e riempire l’armadio delle bimbe di tutto l’occorente per la mezza stagione, peccato che qui da noi ci siano 27 gradi e che si muoia di caldo. Spero comunque di riuscire a sfruttare queste mise almeno una volta….
Per le nostre serate mondane (cioè in pizzeria alle 19.30 con rientro alle 20.30) ho trovato queste bellissime gonnelline con relative t-shirt. Il negozio dove ho trovato tante cose carine é Du pareil au meme.

Per Cloe che é molto vanitosa e che ama essere al centro dell’attenzione ho pensato a questo abbinamento:
image

Gonna i tulle rosa chiaro con brillantini e magliettina semplice per sdrammatizzare un pochino.
image

Mi piacciono tantissimo i brillantini oro come l’elastico in vita.

Per Aurora che é più discreta e più timidina ho pensato a questa gonnellina bianca con relativa magliettina abbinata.
image

image

Il disegno e le paillettes danno colore ed un po’ di allegria.
image

La gonnellina é veramente particolare, perché il tulle con i piccoli brillantini, riveste il cotone, rendendola molto originale.

Non vedo l’ora di vedere le mie principessine rock con questi outfit!

Dieci mesi con le Twins

Tra qualche giorno, le nostre piccole Twins compiranno 10 mesi. Devo dire che sono cresciute tantissimo, sia fisicamente che intellettualmente.

Uno dei più grossi cambiamenti che hanno subìto, é stato il mio rientro al lavoro. Ora passano 4 ore con la nonna e sembra che abbiano accettato bene questo cambiamento.

Aurora: continuo ad avere problemi con i miei dentini… me ne stanno uscendo tantissimi tutti in una volta! per fortuna la mamma ed il papà mi danno la camilia e un gel che sa di miele e lo adoro! Mi hanno fatto assaggiare il pane e le fragole e ne mangerei in continuazione. Al mattino non vedo la mamma, ma per fortuna, di notte, dormo nel lettone e tengo stretti con le mie manine i pigiami del papà e della mamma. Non amo gattonare, io voglio camminare! La mamma mi ha insegnato a fare la linguaccia.

Cloe: adoro il mio papà, infatti chiamo sempre DADÀ, mi sposto velocissima e voglio esplorare il mondo. Non sto mai ferma! Non mi piace la frutta, ma gli asparagi mi fanno impazzire. Mordo tutto, mi piacciono soprattutto le dita dell’altra bimba che vive con me … chi sarà poi?…mi sono anche un pó abbronzata andando in giro sul passeggino. Non vedo la mamma al mattino, ma quando apre la porta la saluto con tanti sorrisi e risate!

8 mesi con le Gemelle

d1c334539161d8b912688498c1ef1cff.jpg

Fonte Pinterest

Da quando sono nate le bambine, avevo pensato di scrivere mensilmente i loro cambiamenti e i passi avanti che hanno fatto. Purtroppo non ce l’ho mai fatta, a causa di carenza di tempo, sonno ecc …. Questa settimana mi sono imposta di scrivere che cos’è successo in questi 8 mesi meravigliosi con Aurora e Cloe. A dire il vero mi sono accorta che non le ho mai presentate ufficialmente in questo mio spazio virtuale e mi sembra arrivato il momento di farlo.

Ho deciso di non mettere le foto delle mie figlie né sul blog, né su altri social. E’ una mia scelta personale, ma voglio garantire la loro riservatezza e mi sembra anche di rispettare il fatto che al momento non possono decidere se gli fa piacere o meno essere viste sui social.

Da oggi ho inserito anche una nuova categoria “Vita con le Gemelle” che spero possa essere un’occasione di scambio tra mamme di gemelli e non solo, di idee ed esperienze.

Vorrei anche creare la categoria autosvezzamento, per poter condividere ricette adatte ai bimbi in base all’età.

Partiamo dalla primogenita, Aurora: è nata il 24 maggio 2016 alle ore 11.08 con taglio cesareo. Alla nascita pesava 2,508 Kg ed era lunga 46 cm. Quando è nata aveva tanti capelli, biondi e gli occhi azzurri. Le ostetriche ci hanno detto che delle due sarebbe stata la capetta, per il suo sguardo furbetto e deciso.

Fino ai 4 mesi la sua alimentazione è stata mista, cioè allattamento al seno e aggiunta di latte artificiale. Poi è passata al latte artificiale. Ora che abbiamo iniziato lo svezzamento, ama mangiare la ricotta e tutte le verdure, anche i cavolfiori.

E’ molto solare, ride spesso ed è dolcissima: ha imparato ad accarezzarmi delicatamente mentre mi dice “ma-ma” …. ed io mi sciolgo.

Ha 3 dentini e in questi giorni è un po’ agitata a causa del 4 dentino. Le piace addormentarsi insieme alla mamma ed al papà nel lettone e poi dormire tutta notte nel suo lettino. E’ sempre la prima a svegliarsi.

Quando andiamo in giro, fissa le persone ed è un’attentissima osservatrice ed imita quello che facciamo. Quando è felice muove le manine ed i piedini come se volesse ballare! Adora le cerniere e le etichette.

Il suo gioco preferito, oltre alla trottola, è sua sorella Cloe.

Cloe, è nata il 24 maggio 2016, alle ore 11.09, con taglio cesareo. Alla nascita pesava 2,486 ed era lunga 46 cm. Aveva tantissimi capelli castano scuri e gli occhi grigi, ora sono verdi.

Anche Cloe fino ai 4 mesi ha avuto un allattamento misto, dopodiché ha deciso che preferiva il biberon. Ora, il suo piatto preferito è la pasta al pomodoro.

Ha già 4 dentini e non le hanno dato particolarmente fastidio.

Cloe ha un’espressione indecifrabile, spesso tiene un sopracciglio alzato rispetto all’altro e sembra sempre molto pensierosa. Quando qualcosa le interessa si mette il pollice in bocca e la osserva. Ha una voce potente per essere così piccola, non sopporta sua sorella Aurora, le ruba i giochi e piange se le mettiamo vicine. Le piace dormire fino a tardi al mattino e nel pomeriggio difficilmente dorme. Quando è felice si irrigidisce tutta ed emette dei gridolini buffissimi. Se la prendiamo in braccio si blocca e ci guarda come se volesse dire: “Oh mio Dio, hanno scelto meeee!!”

Il suo gioco preferito è un libricino in stoffa.

Chissà cosa ci aspetta il prossimo mese?!