Vacanza a Moena agosto 2017

Sarà perché quest’anno le ferie non mi sembrano arrivare mai, sarà perché non vedo l’ora di partire e cambiare ritmi ed aria, ma oggi mi sto lasciando andare ad un momento di nostalgia. Ripenso all’estate scorsa, quando con tutta la mia inesperienza di mamma, ho preparato montagne di valige, prendendo tutto quello che avevo trovato nell’armadio di ognuno dei componenti della famiglia. Marie Kondo sarebbe svenuta nel vedere quanta roba ero riuscita a portare con me e stipare in ogni angolo della macchina. Vorrei dire che quest’anno sarà diverso, ma ho dei seri dubbi…. mio marito è avvisato!

L’anno scorso le bimbe avevano poco più di 15 mesi, camminavano in quel modo buffo e tenero che solo i bimbi che muovono i primi passi conoscono. Tutto era nuovo per loro e nei loro occhi puliti ed ingenui,  la meraviglia per le piccole cose si manifesteva in un modo così potente e luminoso.

La scelta della destinazione era ricaduta su Moena, in Val di Fassa in Trentino. Moena, detta la fata delle Dolomiti è un grazioso centro a ridosso del fiume Avisio.

L’abbiamo scelta perché proponeva attività adatte a bimbe così piccole grazie ai sentieri idonei ai passeggini. Oltre a questo anche per il suo centro ricco di bar, ristoranti e negozi.

 

Siamo stati in un family and wellness resort, scegliendo la formula in appartamento.
Abbiamo optato per l’Adler (www.clubres.com), perché é vicino al centro, ha due piscine interne, una piccola ed una grande, dove è possibile passare dei pomeriggi tranquilli con i bambini.
Inoltre c’è la spa, il servizio di babysitter, una specie di asilo e tutto quello che serve per far divertire i bambini e rilassare i genitori.
Siamo rimasti molto soddisfatti della struttura.

15320006789261026254765265598559.jpg

Dal momento che le bimbe erano così piccole, eravamo legati ai loro orari…. sonnellino, pappa, sonnellino e merenda, quindi non abbiamo fatto grandi escursioni anche se dal centro di Moena si poteva partire alla scoperta di luoghi incantati e data la sua prossimità al passo San Pellegrino, raggiungere quote elevate ed immagino sentieri da cui godere panorami mozzafiato.

Sui siti www.moena.it e www.fassa.it ci si può sbizzarrire e scegliere tantissimi percorsi e tutte le attrazioni nelle vicinanze.

Inoltre durante l’estate vengono organizzate tantissime attività sia per grandi che per piccini. Noi ci siamo imbattuti nella preparazione dei canederli:

 

La Val di Fassa è splendida, me ne sono innamorata. Torneremo sicuramente quando le bimbe saranno più grandi e potranno fare lunghe camminate.

Annunci

Ricominciamo da me…. forse….

È passato così tanto tempo da quando ho scritto l’ultima volta sul blog. Sono stata completamente assorbita dalla mia nuova vita di mamma, dividendomi tra lavoro e gestione della casa, finendo per lasciare in disparte tutto quello che mi piace e fa stare bene, come questo piccolo angolo del world wide web…..

Tante volte mi sono detta, scrivi, fai qualcosa ma gli impegni e soprattutto la stanchezza hanno preso il sopravvento. Le bimbe assorbono tutto il mio tempo e le mie energie, siamo stati ammalati quasi tutto l’inverno, ma ce l’ho fatta sono ancora qua…. eh già…

Sono mesi che mi dico oggi scrivo, faccio foto ma ho sempre rimandato perché non mi sembrava mai il momento giusto. Ma se non si inizia non c’è mai un momento perfetto…. ed oggi eccomi qui in pausa pranzo, da sola al McDonald, in attesa di andare a fare un po’ di shopping per le Twins.

C’era un momento migliore per iniziare? Non so, ma mi sento meglio, perché finalmente dopo tanto tempo ho fatto qualcosa per me….. un piccolo inizio per rigenerarmi e ritornare ad essere me stessa.

Fonte Pinterest

Dieci mesi con le Twins

Tra qualche giorno, le nostre piccole Twins compiranno 10 mesi. Devo dire che sono cresciute tantissimo, sia fisicamente che intellettualmente.

Uno dei più grossi cambiamenti che hanno subìto, é stato il mio rientro al lavoro. Ora passano 4 ore con la nonna e sembra che abbiano accettato bene questo cambiamento.

Aurora: continuo ad avere problemi con i miei dentini… me ne stanno uscendo tantissimi tutti in una volta! per fortuna la mamma ed il papà mi danno la camilia e un gel che sa di miele e lo adoro! Mi hanno fatto assaggiare il pane e le fragole e ne mangerei in continuazione. Al mattino non vedo la mamma, ma per fortuna, di notte, dormo nel lettone e tengo stretti con le mie manine i pigiami del papà e della mamma. Non amo gattonare, io voglio camminare! La mamma mi ha insegnato a fare la linguaccia.

Cloe: adoro il mio papà, infatti chiamo sempre DADÀ, mi sposto velocissima e voglio esplorare il mondo. Non sto mai ferma! Non mi piace la frutta, ma gli asparagi mi fanno impazzire. Mordo tutto, mi piacciono soprattutto le dita dell’altra bimba che vive con me … chi sarà poi?…mi sono anche un pó abbronzata andando in giro sul passeggino. Non vedo la mamma al mattino, ma quando apre la porta la saluto con tanti sorrisi e risate!

I miei preferiti di febbraio

Febbraio è stato un mese molto strano per me, semplicemente perché è stato l’ultimo mese che ho passato con le bimbe, visto che la prossima settimana ricomincerò il lavoro. Dopo 9 mesi in cui mi sono dedicata 24h su 24 alle cucciole, dovrò rivestire i panni dell’impiegata, al momento part- time, e separarmi da loro. In conclusione è stato un mese di paturnie e paranoie che mi hanno paralizzata sul fronte blog e non solo.

Nonostante tutto, queste sono state le cose che ho apprezzato di più:

Film: “The dressmaker” di J. Moorhouse con Kate Winslet e Liam Hemsworth. Qui il link al trailer in italiano. thedressmakerKate Winslet, una delle mie attrici preferite è veramente bravissima anche in questo caso. Il film racconta di una vendetta maturata negli anni da parte della progonista, Tilly, che ritorna dopo tanto tempo e dopo essere diventata una stilosa (i costumi sono bellissimi!) stilista per riallacciare il legame con la madre e far luce sull’omicidio che aveva commesso da piccola, nella minuscola e polverosa città di Dungatar.

Canzoni: Ed Sheeran con Shape of you Qui potete ascoltarla.

Outfit: nella sua semplicità trovo veramente carina quest’idea: aggiungere ad una camicia e ad un maglione un po’ di collane per spezzare la monotonia dell’outfit. Soprattutto è portabilissimo anche in ufficio.

a624cffafb61ea1ca78ca4751c3e7138.jpg

Fonte: Pinterest

Mantra del mese:

ce74dad79d4e9174bc40a749327ec6aa.jpg

Fonte: Pinterest

Piatto preferito: semplicissimo e gustoso tratto sempre da Pinterest con ricetta annessa!

fa3f31c84e2da4219176bb61009f8426.jpg

 

I miei preferiti di gennaio

Gennaio è terminato, ormai, e mi ha fatto scoprire delle cose piacevoli.

Per diversi mesi, dopo la nascita delle bambine ho evitato creme e bagnoschiuma troppo profumati per non infastidirle, soprattutto durante l’allattamento. Una mia cara amica mi aveva regalato un buonissimo latte corpo ed il bagnoschiuma di Aquolina allo Zucchero a Velo, pensando ad una fragranza leggera. Era da tantissimo tempo che non utilizzavo i prodotti di Aquolina  e me ne ero dimenticata, ma sono veramente una piccola coccola.

aquolina-zucchero_a_velo-latte_corpo_pelle_vellutata

Ho ricominciato a guardare la mia serie TV preferita, The Flash, appuntamento irrinunciabile del martedì sera.

flashdownload

I look più belli che ho visto sul web sono questi:

cupcakesfurvest3jpg

fonte: http://www.cupcakesandcashmere.com

Questo look, così semplice, costruito con capi basici, leggins in pelle, gilet di montone e semplice maglioncino grigio, è veramente irresistibile.

f60b6dd40fd7e99a548d71182eaf62ef.jpg

Fonte Pinterest

Che dire …. look decisamente più appariscente, adatto ad una serata disco e purtroppo solo alle ventenni ….

noodles-con-salmone-ricetta-hirohiko-shoda-da-la-prova-del-cuoco

Questo è entrato a far parte della lista dei miei piatti preferiti: si tratta dei Noodles con salmone del cuoco giapponese Hiro Shoda e che ho visto alla Prova del Cuoco. E’ un piatto unico, veloce da cucinare e in cui si trovano tutte le componenti: carboidrati dei noodles di riso, proteine del salmone, verdura cotta e cruda.  Qui la ricetta.

Le lezioni del 2016

14fd4d9f5615516235fbf32bef4cc635.jpg

Il 2016 si è appena concluso ed essendo stato un anno così ricco di avvenimenti ed emozioni, non è scivolato via senza avermi lasciato alcune importanti lezioni.

  1. La gentilezza va dosata: mio malgrado, ho realizzato che molte persone considerano l’essere gentili ed educati una debolezza e pensano di trattarti come una bambola da prendere e spostare a loro piacimento, solo perchè sei una persona mediamente civile. Per queste persone, il rispetto degli altri è un optional, hanno un ego smisurato e si credono in dovere di insegnarti a stare al mondo. Quando educatamente gli rispondi non ti considerano, quindi, con queste persone l’educazione va messa in un angolo e bisogna, ove possibile, EVITARLI COME LA PESTE. Altrimenti l’unica soluzione è l’indifferenza;
  2. Alcune volte, i sogni si realizzano. Sicuramente non bisogna mollare mai, perchè se non lotti per i tuoi obbiettivi, non potrai rimpiangere il fatto di non averli realizzati. Non ci credo ancora che Aurora e Cloe siano nate, so solo che se non avessi perseverato nonostante le gravidanze andate male, le mie bimbe non sarebbero qui con me.
  3. Ho molto più coraggio di quello che pensavo di avere: credo che questo valga per tutte le persone, che messe di fronte alle difficoltà tirano fuori da un posto magico che ognuno ha dentro di sé, forza ed energia. E’ qualcosa di ancestrale e naturale.
  4. Le persone che ami sono la vera ricchezza.
  5. Prima di lamentarti per il comportamento degli altri, prova a guardare come ti poni nei loro confronti e prova a pensare a quello che dai tu. C’è una bellissima canzone di Irene Grandi, scritta dal grande Vasco, che dice proprio questo: prima di pretendere qualcosa prova a pensare a quello che dai tu… Ad esempio: ci sono alcune volte che mi arrabbio con mio marito, perchè mi aspetto che faccia certe cose e si comporti in un determinato modo, quindi finisce che sono scura in volto, scontrosa, insomma la simpatia fatta persona ….. è ovvio che lui non si mette ad organizzare cenette romantiche e via dicendo…..
  6. Per ricollegarmi al punto 5, aggiungo anche che le persone non vedono le cose come le vedo io, quindi se non mi spiego, se non parlo, non è che gli altri si possono inventare i miei stati d’animo e le mie necessità. Parola d’ordine: PARLARE SEMPRE.

QUI la canzone di Irene Grandi di cui vi parlavo.

Ricordi di queste vacanze natalizie

 

Ci sono stati alcuni momenti che ho vissuto durante questi giorni di vacanza che ho voluto immortalare per portarli sempre con me.

Ecco i ricordi più speciali:

glittersandchocolate.wordpress.com

Il mio adorato sushi

immagine-166

l’albero di Natale del quale sono soddisfatta

immagine-167

… molto soddisfatta

immagine-170

le scarpette che le mie bimbe hanno indossato in questi giorni di festa

immagine-195

i primi dentini delle bimbe!

immagine-197

la trottola, il gioco che fa fare tante risate alle bimbe