La pace come un fiume

SDC11973

Questo è il libro che ho appena finito di leggere.  Devo essere sincera, che ho impiegato un po’a finirlo, perché i dialoghi e i pensieri dei personaggi sono densi di significati.

Il libro si chiama La pace come un fiume di Leif Enger e racconta l’avventura di una famiglia del Minnesota degli anni 60, composta da 3 figli, Reuben, Davy e Swede e del loro padre Jeremy. Ognuno di questi personaggi è un mondo da conoscere e da cui è difficile staccarsi.

Reuben, ci racconta la storia della sua famiglia, che parte alla ricerca di Davy, che ha ucciso due ragazzi. I miracoli, sono all’ordine del giorno per il padre che è considerato da tutti un fallito che è in grado di sovvertire le leggi della natura.

Il rapporto tra uomo e natura e tra uomo e Dio predominano nel romanzo e fanno veramente riflettere.

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Piccoli vizi

L’altro giorno ero in vena di viziarmi un pochino, quando ho visto questi bellissimi orecchini a forma di farfalla e stella.

Ovviamente non ho resistito e visto che c’erano gli sconti ne ho approfittato.

SDC11974

Oltre agli orecchini che sono una mia passione ho visto queste bellissime spille, altra mia passione.  Basta una spilla per rendere una giacca un po’ diversa, oppure mi piace metterle anche su un paio di pantaloni,  dove c’è la taschina.

Questo colore è splendido, delicato e fine. Un po’di brillantini non guastano mai. Anche la forma la rende particolare.

 

SDC11976

 

SDC11977

Quali sono i vostri piccoli vizi?

 

Vellutata di zucca con gamberi

SDC11927La vellutata di zucca con gamberi è sicuramente una delle mie ricette preferite, che mi piace preparare durante le sere invernali.

La consistenza morbida,  non troppo liquida, il sapore delicato e un po’ speziato, la dolcezza della zucca la rendono un piatto molto piacevole.

Ingredienti:

1 zucca

500gr di gamberi

Brodo di pesce

1 porro

panna da cucina

Paprika dolce

Sale, pepe, olio evo

Sbucciare e tagliare a pezzetti la zucca: tagliare il porro sottilmente e farlo soffriggere in una padella. Aggiungere la zucca tagliata e lasciare cuocere finché non si scioglie. Coprire con il brodo di pesce.

A parte, scaldare in padella un po’di olio e far saltare i gamberi per pochi minuti. Sfumare con un po’di vino bianco e aggiungere la paprika. Una volta che la zucca si è sciolta aggiungere una parte dei gamberi, la panna e frullare con il minipimer.

Far cuocere ancora un pochino e poi servire. Aggiungere nel piatto da portata qualche gambero.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ripensando alle vacanze

In questi giorni in cui non sono stata molto bene (leggi influenza),avevo bisogno di pesare a cose positive.

Non so il perché, ma quando non sono in forma, si susseguono nella mia mente pensieri negativi e volevo proprio stoppare questo loop paranoico.

Quindi ho guardato un po’di foto delle mie vacanze a Kos dell’estate scorsa ed ho iniziato a sognare alcune mete per l’estate 2015.

Kos- Grecia

SDC11724

Mar Egeo

SDC11703

Non viene voglia di tuffarsi?

SDC11700

Antiche mura di Kos Town

SDC11692

Platano di Ippocrate

 

SDC11694

Antichi resti

 

The imitation Game

the2

Sabato scorso sono stata al cinema a vedere “The imitation game” un film di Morten Tyldum con Benedict Cumberbatch e Keira Knightley.

Mi piacciono molto i film ambientati durante la Seconda guerra  mondiale, forse perché c’erano tanti eroi, persone che combattevano per gli ideali di pace e libertà.Ho sentito tante storie, vissute in prima persona dai miei nonni e dai miei genitori ed ho sempre pensato ad un periodo storico dove la malvagità dell’uomo era infinita, ma al tempo stesso c’erano persone disposte a morire per quello in cui credevano. Oltre al periodo mi piacciono i film autobiografici su persone di cui ho letto e che hanno lasciato un segno nella storia e che sono anche un po’ borderline.

Per quanto riguarda il film sono stata completamente travolta dalle emozioni che mi hanno accompagnato per qualche giorno.

Il film racconta la vera storia di Alan  Turing, matematico ed esperto di crittografia, nonché inventore della macchina per decifrare Enigma cioè il codice con il quale i Nazisti comunicavano le informazioni sulle operazioni militari.

Turing è considerato il padre dell’informatica e la sua macchina, Christopher, è il primo computer della storia. Purtroppo la sua vita non si è conclusa con il lustro che avrebbe meritato per i suoi studi, e per aver avuto insieme al suo team un ruolo centrale nella conclusione della guerra.

Come tanti geni ha sempre vissuto nascosto e ai margini della società,  per nascondere le sue diversità.

Il film è incentrato sulla magistrale interpretazione di Benedict Cumberbatch, che riesce a rendere antipatico e spocchioso Turing, ma a al tempo stesso mostra le sue fragilità, il suo dover vivere con tanti segreti. È incredibile (in senso negativo) come si sia conclusa la sua vita e che la Gran Bretagna gli abbia concesso la grazia postuma solo nel 2013.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Little Red Dress

Uno dei miei acquisti durante i saldi è stato questo tubino rosso.

Me ne sono innamorata subito,  per il colore e per lo spacco!

SDC11965

L’ho comprato da Diffusione Tessile una catena di negozi che sono outlet di MaxMara. I capi vengono smarchiati ed ovviamente i prezzi sono decisamente diversi!

Se volete dare un’occhiata c’è anche il negozio online: it.diffusionetessile.com

Tornando al tubino, mi è piaciuta la balzina (perfetta per coprire la pancetta) e l’inserto di tessuto nero.

SDC11968

L’abito fascia perfettamente il corpo e mi fa sentire femminile e non so perché oltre che elegante anche rock(?).